A Maggio 2004 varata Scialamie IIa

Dopo, la Scialamie la la prima barca elettro solare dell’Arcipelago Toscano...

Di Giovanni Gelmini

Nella primavera del 2003 sull’Isola di Capraia è stata varata Scialamie la la prima barca elettro solare dell’Arcipelago Toscano.
La barca elettro solare ha navigato nelle acque di Capraia, cuore del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, per tutta la primavera e l’estate 2003.
La barca, spinta da un motore elettrico fuoribordo, sfrutta solo l’energia proveniente dai pannelli fotovoltaici posti al di sopra dello scafo e naviga in assoluto silenzio nel mare cristallino di Capraia. E’ il mezzo ideale per osservare senza disturbare sia gli uccelli marini, il marangone dal ciuffo, il raro gabbiano corso, il falco pescatore che il bellissimo mondo sommerso dei fondali dell'Isola. L’impatto ambientale della barca elettro solare è ZERO.

A Maggio 2004 abbiamo varato Scialamie II

La nuova barca elettro solare utilizza lo stesso scafo della precedente ma ha caratteristiche tecniche notevolmente superiori.

Ecco i componenti principali:

- Motore Entrobordo PMG 132 2,4 KW, 24 Volt, 1100 giri al minuto
- Tre pannelli fotovoltaici Kyocera KC125G per un totale di 375 Watt
- 4 Batterie semitrazione tubolari STRONG da 6 volt
- Regolatore Solare Xantrex C40
- Controller, display e carica batterie Bellmann Drive System
- Battery monitor Xantrex Link 10

La nuova barca elettro solare ha una velocità massima di 6 nodi ed una autonomia di 8-10 ore con il sole.

Come funziona?
L’energia solare (luminosa) è trasformata in energia elettrica dalle cellule fotovoltaiche. L'energia elettrica è immagazzinata in una batteria.
Alla batteria è collegato un motore elettrico che spinge la barca.

Perché una barca elettro solare?
Si utilizza una energia rinnovabile ed inesauribile.
Si rispetta la qualità dell'aria e dell'acqua.
Il funzionamento è estremamente silenzioso e non disturba.
La barca è sempre pronta all'uso (nessun pieno di carburante da fare).

Che autonomia ha?
L’autonomia dipende da vari fattori, la capacità delle batterie, l’insolazione e l’uso del motore.
Il motore elettrico consuma quasi la metà se si usa al 70% delle sua capacità nominale.
Le batterie forniscono meno energia se si scaricano velocemente.
I pannelli solari forniscono maggiore energia durante le ore centrali della giornata quando il sole è più alto. Durante queste ore alla velocità di circa 2 nodi e mezzo la barca elettro solare procede solo con l’energia elettrica prodotta dai pannelli solari ed ha un autonomia virtualmente illimitata!
Tutti questi fattori vengono elaborati in tempo reale da un vero e proprio computer di bordo chiamato Battery Monitor.

La Barca elettro solare è disponibile per visite guidate, giro dell’Isola di Capraia e Birdwatching.

 

Dopo La Nuna II°, la vettura olandese, ha vinto la gara per auto alimentate ed energia solare ed ha percorso i 3.010 km della gara in sole 30 ore e 54 minuti alla media di ben 97 km/k (nettamente superiore alla velocità che riusciamo a tenere sulle nostre strade), ma che è un prototipo da laboratorio, economicamente non utilizzabile, ecco qualche cosa che funziona ed è perfettamente utilizzabile da chiunque. Questo per dimostrare che i pannelli solari sono già una realtà economicamente valida

   Giovanni Gelmini

    I

Come funziona?

L'energia solare (luminosa) è trasformata in energia elettrica dalle cellule fotovoltaiche.

L'energia elettrica è immagazzinata in una batteria.

Alla batteria è collegato un motore elettrico che aziona l'elica che spinge la barca.

 

 

 

Perché una barca elettro solare?

Si utilizza una energia rinnovabile ed inesauribile.

Si rispetta la qualità dell'aria e dell'acqua.

Il funzionamento è silenzioso e non si disturba la fauna locale.

La barca é sempre pronta all'uso (nessun pieno di carburante da fare).

vedi la pagina di barcasolare.isoladicapraia.it/


barcasolare.isoladicapraia.itScialamie Ia e IIa

Progetto e realizzazione a cura di Fabio Guidi




Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non quelli di profilazione

© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato